Come finanziare il pagamento delle tasse 2016-2018 in area sisma

COME FINANZIARE IL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE E TASSE 2016-2017-2018 CON MUTUI A TASSO ZERO GARANTITI DALLO STATO IN AREA SISMA.

L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento del 31 maggio 2017, ha approvato le specifiche tecniche per la trasmissione telematica, da parte dei soggetti finanziatori, dei dati relativi ai finanziamenti erogati a favore di imprenditori, lavoratori autonomi ed esercenti attività agricole, operanti nelle zone colpite dal terremoto.

Lo scorso mese di febbraio, a causa del perdurare della situazione di criticità e dello stato di emergenza, è stato emanato il decreto-legge 8/2017 (convertito, con modificazioni, dalla legge 45/2017), che ha dettato nuovi interventi urgenti a beneficio dei territori del centro Italia colpiti dagli eventi sismici del 2016 e del 2017.

Tra le misure di favore, il legislatore (nell’articolo 11, commi 3 e 4) ha previsto per i titolari di reddito d’impresa, di lavoro autonomo e gli esercenti attività agricole la possibilità di chiedere un finanziamento, assistito dalla garanzia dello Stato, per il pagamento:

  1. dei tributi sospesi (l’articolo 48 del Dl 189/2016 ed il successivo Dl 50/2017 hanno disposto la sospensione dal 24/8/2016 di tutti i termini in materia di adempimenti e versamenti tributari e contributivi a favore delle popolazioni terremotate),
  2. dei tributi dovuti nel periodo dal 1° dicembre al 31 dicembre 2017,
  3. dei tributi dovuti dal 1° gennaio al 31 dicembre 2018.

Nei primi due casi, il finanziamento deve essere erogato entro il 30 novembre 2017, mentre nell’ultima ipotesi lo stesso va erogato entro il 20 novembre 2018.

Inoltre, è previsto che per gli interessi relativi ai finanziamenti erogati e per le spese strettamente necessarie alla loro gestione è corrisposto ai soggetti finanziatori un credito d’imposta in misura pari all’importo relativo agli interessi e alle spese medesimi.

La quota capitale, invece, è restituita dai soggetti beneficiari del finanziamento, di cui ai ricordati commi 3 e 4 dell’articolo 11, rispettivamente a partire dal 1° gennaio 2020 e dal 1° gennaio 2021 in cinque anni.

Il piano di ammortamento è definito nel contratto di finanziamento e prevede che gli interessi e le spese dovuti siano riconosciuti con riferimento al 31 dicembre 2018.

Dalla lettura delle suindicate disposizioni si evince, quindi, che il meccanismo ideato dal legislatore si articola in due momenti:

  1. il finanziamento erogato da un istituto di credito a favore di uno dei soggetti ammessi al beneficio
  2. il riconoscimento a favore del finanziatore di un credito d’imposta, il cui importo corrisponde all’ammontare degli interessi e delle spese relative al mutuo.

Il provvedimento del 31 maggio 2017

In capo ai soggetti finanziatori, peraltro, il legislatore ha posto specifici obblighi di comunicazione. Essi, infatti, per consentire il monitoraggio delle modalità di utilizzo e di restituzione dei finanziamenti agevolati, sono tenuti a trasmettere all’Agenzia delle Entrate le informazioni relative ai mutui erogati e i dati identificativi dei soggetti che omettono i pagamenti previsti nel piano di ammortamento, nonché i relativi importi, per la loro successiva iscrizione a ruolo, con gli interessi di mora.

Contributi Inps

Ricordiamo che anche l’INPS aveva emesso nei giorni scorsi analoga circolare alla quale si rinvia. In questo caso la sospensione è a richiesta dell’impresa e gli adempimenti e pagamenti sospesi dovranno essere effettuati entro il 30 ottobre 2017, senza applicazione di sanzioni e interessi. La ripresa dei versamenti potrà avvenire anche mediante rateizzazione fino ad un massimo di 18 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di ottobre 2017.

RIEPILOGO ADEMPIMENTI E SCADENZE FISCALI IN AREA SISMA

Adempimenti Scadenze ordinaria Scadenze aree sisma
Dichiarazione IVA Scaduta il 28 febbraio 2017 Per i contribuenti residenti e/o operanti in area sisma tutti i termini relativi ad adempimenti e versamenti tributari scadenti dal 24/8/2016 (o dal 26/10/2016) sono sospesi fino al 31 dicembre 2017 (nuovo termine fissato D.L. 50/2017). Tali adempimenti e versamenti potranno essere effettuati entro febbraio 2018 (nuovo termine fissato D.L. 50/2017).

Per i versamenti sospesi si può ricorrere ad una delle seguenti modalità di dilazione:

1) mutuo bancario garantito dallo Stato e senza interessi da erogarsi entro novembre 2017 e con decorrenza rate dal 1° gennaio 2020 in 5 anni, da erogarsi entro novembre 2017;

2) rateizzazione senza sanzioni ed interessi fino a un massimo di 9 rate mensili di pari importo, a decorrere dal 16 febbraio 2018.

PS: Le ritenute fiscali a carico del lavoratore se trattenute dal datore vanno versate nei termini ordinari.

Versamenti

periodici IVA

Mensili, il 16 di ogni mese

Trimestrali: 16 maggio, 21 agosto, 16 novembre

Modello

730/2017

precompilato

Dal 15 aprile 2017 disponibile on line, sul sito dell’Agenzia delle Entrate, il modello 730 precompilato
7 luglio 2017, consegna ai sostituti d’imposta, ai Caf, o ai professionisti abilitati e relativo invio da parte di questi ultimi
24 luglio 2017 (il 23.7 cade di domenica) , invio diretto da parte del contribuente
Modello 730/2017

ordinario

7 luglio 2017, consegna ai sostituti d’imposta, ai Caf, ai professionisti abilitati e relativo invio da parte di questi ultimi
Acconto IMU e TASI 16 giugno 2017 (esclusa prima casa)
Pagamento imposte e tasse IRPEF, IRES, IRAP, CCIAA 30 giugno 2017, rateizzabili in 6 rate

30 luglio 2017 con la maggiorazione dello 0,40%, rateizzabili

Modello 770/2017 31 luglio 2017
Modello Redditi 2017 telematico Persone Fisiche 2 ottobre 2017 (il 30.9 cade di sabato)
Mod. Redditi 2017 soggetti Ires (Srl, Coop, Associazioni) 2 ottobre 2017 (il 30.9 cade di sabato
Mod. Irap/2017 2 ottobre 2017 (il 30.9 cade di sabato
Saldo IMU e TASI 18 dicembre 2017 (esclusa prima casa)
Versamenti contributi previdenziali fino al 30/09/17 il 16 di ogni mese 30 ottobre 2017, oppure rateizzazione fino ad un massimo di 18 rate mensili
Rottamazione cartelle Equitalia Scaduta il 21 aprile 2017 31 marzo 2018

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*